october-pink-1714664_1280

CONOSCERE IL TUMORE AL SENO

Il tumore della mammella continua per la donna ad essere il “big killer”numero 1, ma la diagnosi precoce si è rivelata strategicamente determinante e vincente sia in termini di guaribilità, sia di migliore qualità di vita.

Le cellule che costituiscono la ghiandola mammaria si riproducono continuamente, sia per generare il ricambio con nuove cellule, sia per riparare quelle danneggiate.

Il processo di riproduzione e crescita cellulare è molto complesso e regolato da molteplici geni. In condizioni di normalità tale processo avviene secondo un fisiologico programma, in modo preciso e regolare.

Tuttavia l’invecchiamento e vari fattori ambientali possono danneggiare questi geni, determinando una crescita anomala ed incontrollata delle cellule che costituiscono il rivestimento interno dei dotti (galattofori e lobulari) ed il conseguente sviluppo di un tumore (cancerogenesi). Il processo di cancerogenesi avviene lentamente, nel corso di molti anni. Gli esami diagnostico-strumentali oggi disponibili per un efficace diagnosi precoce consentono di poter individuare il tumore in una fase iniziale della sua crescita, allorquando il tumore non dà segni di sé e non è palpabile (lesione preclinica) o addirittura in una fase che precede lo sviluppo del tumore infiltrante (lesione preneoplastica).

Il tumore al seno è’ il tumore più frequente della donna e la sua incidenza è particolarmente elevata nei paesi occidentali ad economia più avanzata. In Italia una donna su otto si ammala di tumore della mammella. Si stima che in Italia ogni anno vangano diagnosticati oltre 50000 casi di carcinoma mammario. Nell’ultimo quinquennio l’incremento di incidenza di questa malattia è stata pari al 15%. In particolare fra le donne di età compresa tra i 25 e i 45 anni, si stima che l’incremento sia stato di circa il 30%.

Fortunatamente però da oltre 15 anni si registra una progressiva riduzione della mortalità per questa neoplasia.

La ricerca scientifica costantemente scopre nuovi geni e proteine che possono svolgere dei ruoli chiave nei processi di trasformazione tumorale. Una migliore comprensione della biologia dei tumori mammari consentirà di migliorare ulteriormente la caratterizzazione della malattia, la sua suscettibilità ai trattamenti e di personalizzare sempre più cure efficaci.

 

Leggi anche PREVENZIONE: STEP 1

Condividi...Share on FacebookTweet about this on Twitter