nordic-walking-1369306_1280

Movimento in Rosa

Progetto “Movimento in Rosa” di Danilo Ridolfi

L’esercizio fisico in campo oncologico, programmato e finalizzato, funziona come un vero e proprio “farmaco” perché potenzia la salute e rinforza il sistema immunitario, riduce il rischio di recidive e dà un’importante vantaggio anche sul benessere psicologico: l’attività fisica diviene un ottimo antidepressivo.

Il progetto “Movimento in Rosa”, ideato e studiato da Danilo Ridolfi per le donne operate di tumore al seno, ha l’obiettivo di migliorare il “potenziale motorio”, di renderle autonome nell’allenamento e cercare di ridurre i problemi che spesso si presentano dopo l’intervento come ad esempio il linfedema.

La durata del programma è di due mesi: per permettere di sperimentare su di se i benefici del movimento  programmato, per formulare un protocollo di lavoro, per arrivare all’autonomia. L’attività fisica scelta è all’aria aperta come il Nordic Walking e gli esercizi a corpo libero o con piccoli attrezzi creati “ad hoc”. Il corso prevede due incontri settimanali di un’ora circa, per un totale di sedici incontri.

PROGRAMMA:
Maggio – Giugno (16 LEZIONI TOTALI).
Prima lezione 3 maggio.
2 incontri settimanali – MERCOLEDI’ 19.30-20.30 – SABTATO 08.00 – 09.00

Il progetto ha l’obiettivo di “avvicinare” le donne che sono state operate per un tumore al seno all’attività fisica “provando” su di sé i vantaggi del movimento ben documentati nelle nuove ricerche scientifiche. Questo per avere il meglio dal “farmaco” attività fisica sulla prevenzione dei tumori, tornare in armonia con il proprio corpo, sentirsi più “serene” e liberare la mente con attività all’aria aperta.

Il “lavoro di gruppo” quando è finalizzato al benessere aiuta a stare meglio, ci “sostiene” ed è la dimostrazione che è possibile affrontare le malattia col sorriso e che in compagnia è più facile!

Per informazioni chiama la nostra segreteria

Tel. Sede: 0541 787077
Tel. Cellulare: 380 7542763

Visita la pagina di Danilo Ridolfi >>>clicca qui

Condividi...Share on FacebookTweet about this on Twitter