Ridurre la formazione di metastasi

Grazie a Giuseppe Palmieri del Cnr di Alghero, un ricercatore italiano, la ricerca ha fatto passi da gigante, scoprendo l’influenza della proteina h-prune sullo sviluppo delle metastasi.
La proteina in questione, in condizioni di normalità, svolge una importante funzione vitale, consente infatti la migrazione delle cellule.
In condizione di alterazione invece è una delle principali cause di sviluppo delle metastasi nel copro della paziente. Le metastasi si sviluppano a causa dello spostamento delle cellule tumorali verso organi e tessuti non direttamente influenzati dalla malattia.
I ricercatori del Cnr, hanno annunciato che contrastando l’attività della proteina h-prune, attività alterata in un terzo dei casi di tumori al seno, il rischio di metastasi si ridurrà sensibilmente.
Si sta già pensando di mettere appunto dei test specifici che possano rilevare in tempo delle alterazioni della proteina h-prune affinché in rischio di contrarre metastasi possa ridursi sensibilmente.
Questa scoperta dà ulteriori speranze a tutte quelle donne che durante la loro vita si trovano ad affrontare l’esperienza del tumore mammario.

Condividi...Share on FacebookTweet about this on Twitter